Parere Consiglio di Stato sul Codice della Crisi

In data 13 maggio 2022, il Consiglio di Stato ha pubblicato un articolato parere (.pdf), corredato di un comunicato stampa (.pdf), con cui ha dato il via libera allo schema di decreto legislativo contenente le modifiche al Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza in attuazione della direttiva 2019/1023/UE.

“Si tratta di uno degli interventi di riforma previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) come prioritari” – sottolinea una nota di Palazzo Spada – “al fine di potenziare i meccanismi di allerta, di completare la digitalizzazione delle procedure anche attraverso la realizzazione di una piattaforma on-line e di specializzare gli organi competenti per le procedure concorsuali”.

Brevi note sullo stato dell’arte del diritto fallimentare

La dott.ssa Giulia Garesio, in queste brevi note, fornisce una sistematizzazione cronologica dei più recenti interventi normativi che hanno interessato il diritto concorsuale, utile ad orientarsi tra le numerose riforme intervenute dall’emanazione del c.d. Codice della Crisi ad oggi.

Per consultare il contributo, clicca qui.

Nuove integrazioni alla procedura di composizione negoziata della crisi

Il Legislatore, con la legge 29 dicembre 2021, n. 233 di conversione del d.l. 6 novembre 2021, n. 152, ha integrato (più specificamente attraverso gli artt. da 30-ter a 30-sexies) in alcuni punti la disciplina della composizione negoziata della crisi d’impresa, contenuta nel d.l. n. 118/2021 (convertito con legge n. 147/2021).

Gli artt. da 30-ter a 30-quinquies riguardano la piattaforma telematica (disciplinata dall’art. 3 del d.l. n. 118/2021) che l’imprenditore è chiamato ad utilizzare per avviare la procedura di composizione negoziata della crisi, con la richiesta di nomina dell’esperto.

L’art. 30-sexies disciplina le segnalazioni dei creditori pubblici qualificati ovvero l’obbligo a carico dell’INPS, dell’Agenzia delle Entrate e dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione di comunicare all’imprenditore e, ove esistente, all’organo di controllo i ritardi di pagamento, con l’invito a richiedere la composizione negoziata; la nuova disciplina prende il posto di quella – in parte diversa – contenuta nell’art. 15 del Codice della Crisi per cui, come è noto, è stata posticipata – ad opera del d.l. n. 118/2021 – l’entrata in vigore al prossimo 31 dicembre 2023.

Il testo integrale delle norme è disponibile in Gazzetta Ufficiale.

 

Esperto indipendente, ai sensi dell’art. 3 del D.L. 118/2021, convertito in L. 147/2021

Si segnala che Centro CRISI, insieme con gli ordini professionali di Avvocati, Commercialisti ed Esperti contabili e Consulenti del lavoro di Torino, ha organizzato il percorso formativo di altra specializzazione professionale relativo alla figura dell’“Esperto indipendente, ai sensi dell’art. 3 del D.L. 118/2021, convertito in L. 147/2021”.

Il Corso abilitante, in conformità alle indicazioni contenute nel Decreto Dirigenziale del 28 settembre 2021, si propone
di fornire la formazione obbligatoria per l’iscrizione nell’Elenco degli Esperti Indipendenti presso le Camere di
Commercio e, al contempo, di fornire un primo supporto metodologico e procedurale per assolvere efficientemente
ed efficacemente l’incarico conferito. La formazione sarà erogata nella modalità a distanza on demand.

Per scaricare  programma e dettagli, clicca [qui].

Nuove tavole sinottiche

Nella sezione dedicata a “Codice della crisi e legislazione vigente” sono pubblicate due nuove tavole sinottiche che tengono conto delle ultime novità normative ed, in particolare:

  • una Tavola sinottica di confronto sul Codice della Crisi – normativa aggiornata al d.l. n. 118/2021, convertito con modificazioni dalla l. 21 ottobre, n. 147, relativa alla nuova procedura di composizione negoziata della crisi
  • una Tavola sinottica di confronto sulla Legge Fallimentare – normativa aggiornata al d.l. n. 118/2021, convertito con modificazioni dalla l. 21 ottobre, n. 147,

“Legge 3” e nuove traiettorie della disciplina del sovraindebitamento

Il 25 ottobre 2021 alle ore 15.00 presso la Scuola di Management ed Economia dell’Università di Torino  si svolgerà il convegno dal titolo “Legge 3” e nuove traiettorie della disciplina del sovraindebitamento, in occasione della pubblicazione del volume La nuova disciplina del sovraindebitamento, diretto da Maurizio Irrera e Stefano A. Cerrato e coordinato da Federica Pasquariello, Bologna, 2021.

L’evento sarà contemporaneamente trasmesso anche in streaming al link indicato sulla locandina. Per visualizzarla, clicca [qui].

*Il convegno è inserito nel programma formativo dell’ODCEC di Torino al fine del riconoscimento dei relativi crediti formativi ed è accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Torino (ma darà diritto al riconoscimento dei relativi crediti formativi solo in caso di partecipazione in presenza); è altresì accreditato dai Dottorati in Business and Management e Diritto, persona e mercato dell’Università di Torino.

 

La nuova disciplina del sovraindebitamento

Si segnala la recente pubblicazione del volume “La nuova disciplina del sovraindebitamento“, diretto dai proff. Maurizio Irrera e Stefano A. Cerrato, Presidente e Direttore del Centro Crisi, alla cui redazione hanno partecipato numerosi studiosi aderenti al Centro.

Il volume è dedicato alla disciplina del sovraindebitamento, unica parte del Codice della Crisi integralmente in vigore, ed è aggiornato al Decreto correttivo (d.lgs. 147/2020) e alla più recente giurisprudenza del 2021.

Note su Capo I (artt. 1 – 23), DDL. 2371 (conversione DL. 118/2021)

Il Centro CRISI ritiene utile dare adeguata visibilità alle osservazioni richieste ed inviate dal Prof. Rolandino Guidotti, associato di diritto commerciale presso l’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna e studioso coinvolto nel Centro, alla 10a Commissione permanente industria, commercio e turismo istituita presso il Senato della Repubblica con riferimento al disegno di legge n. 2371 (conversione del decreto-legge 118/2021 – Crisi d’impresa e norme sulla giustizia).

Le presenti note riguardano il Capo I (artt. 1 – 23) del decreto in corso di conversione, che si occupa delle misure urgenti in materia di crisi d’impresa e di risanamento aziendale.

Per scaricare il pdf, cliccare [qui].